Processo Anevrotico Terapeutico

Prima edizione

PROCESSO ANEVROTICO IN PSICOTERAPIA

Introduzione alla psicoterapia anevrotica

Un nuovo paradigma

Lo scopo del testo è fornire una preparazione a chi si avvicina alla psicoterapia del Processo Anevrotico ed esporre le basi di un paradigma in grado di dare una interpretazione ad aspetti che portano ai risultati clinici esposti.

Viene descritto un insieme di attività mentali in cui il Processo Anevrotico ha valore in un’ottica evolutiva umana generale e non solo come aspetto terapeutico. Vengono esposte conoscenze acquisite e relative al modello esposto, componendo un insieme in cui diventano spiegabili i progressi che hanno luogo in periodi specifici dell’esistenza.

Sintesi del Paradigma Anevrotico

L’mpostazione del Processo Anevrotico Terapeutico, PAT, è sorta prima come indirizzo di ricerca sulla base di osservazionI durante l’attività di psicoterapia, dopodiché si è passati ad approfondirne gli elementi. In questo passaggio sono affiorati gli interrogativi necessari per comprendere il cambiamento rilevato negli individui durante la pratica clinica.

L’uomo sceglie fin dove conosce di sé, non più oltre.

L'AUTORE

Autore di testi specialistici, consulente di psicologia su reti televisive e radiofoniche in cui conduce interventi riguardanti la psicopatologia, psicoterapia e psicologia sociale.
Coordinatore di intensa attività di ricerca, da cui ha preso corpo un filone di indagini psicofisiologiche e multidisciplinari relative al Processo Anevrotico Terapeutico “PAT”. 

Direttore scientifico de ilgiornaledipsicologia.it, è componente del comitato di redazione della
testata neuroscienze.net.

Il libro: 8 Capitoli!

[1]

Sviluppo della struttura mentale

Lo sviluppo che appare assolutamente spontaneo avviene in tempi ridotti e quel che più conta, si inserisce in un sistema umano complesso, al quale è dovuta la capacità di reagire alla realtà, partecipando ad essa.

[2]

Anevrosi e fisiologia psicologica

La condotta psichica si esprime in varie modalità, tra cui la protezione che la mente dispone per la propria struttura e la necessità di trasmettere non soltanto il proprio equilibrio, ma piuttosto le distorsioni che la caratterizzano.

[3]

La funzione Anevrotica

La formazione della struttura psicologica individuale continua tramite le capacità che caratterizzano l’essere umano, chiamato a fronteggiare il patrimonio emozionale a cui deve sia reagire che accondiscendere.

[4]

La struttura mentale

L’attività del pensiero si compone nell’insieme della personalità individuale, in cui ha luogo la capacità di interpretare e reagire efficacemente alla realtà

[5]

Sistema umano e disfunzione

Il Sistema Mentale ha caratteristiche raffinate, in esse le disfunzioni non sono solo la conseguenza di una difficoltà di allestimento psicologico, ma rappresentano anche il tentativo di rendere gestibile la realtà.

[6]

Attività del Processo Anevrotico

Procedendo nell’esposizione del Processo Anevrotico, si comprende bene che le caratteristiche mentali si distinguono non solo da quello che la mente assume, ma ancor più da quello che rinuncia a comprendere.

[7]

Aspetti
operativi

Il PAT non lo si può insegnare in maniera “didattica”, ma deve essere “appreso” tramite la propensione naturale verso un approfondimento intimo. L’associazione tra la realtà e le emozioni che gli corrispondono, realizza un’adattamento progressivo.

[8]

Sperimentazione e sviluppi del PAT

È verosimile supporre che la capacità anevrotica sia attiva da sempre, tramandata con una modalità genetica il cui accesso è particolarmente complicato; in essa la struttura mentale provvede ad una comparazione e ridistribuzione delle capacità psichiche attive nella società, oltre che nell’individuo.

CONTATTAMI