Therapeutic Anevrotic Process

Capitolo 6

Attività del processo anevrotico

La Tendenza Anevrotica non è una condizione che si assuma solo o soprattutto studiando l’argomento che ne teorizza gli aspetti. Procedendo nell’esposizione del Processo Anevrotico, nel declinarsi delle sue proprietà, si comprende bene che le caratteristiche mentali si distinguono non solo da quello che la mente assume, ma ancor più da quello che rinuncia a comprendere.

Argomenti trattati

  • La personalità inaccessibile

    Tra la mente e la condizione di consapevolezza ha attività una barriera spontanea che tende a moderare la forza delle emozioni allo scopo di proteggere l’integrità del soggetto.

  • La difesa

    La capacità di avvertire e suscitare emozioni è soggetta ad una forma di limitazione, ossia tutte le emozioni che possono produrre una destabilizzazione vengono attenuate, fino a diventare inavvertibili. Con il Processo Anevrotico “sociale” o Terapeutico che sia, la lettura emotiva della realtà, spesso fortemente ridotta, tende ad essere estesa intensamente

  • La comunicazione terapeutica

    Le personali distorsioni della realtà dovute alla propria esperienza di vita e di associazione emotiva con la realtà impediscono nel comunicatore la trasmissione anevrotica verso il soggetto a cui è diretto il messaggio, il quale oppone alla comunicazione caratterizzata da distorsioni nevrotiche, le barriere del proprio Sistema Protettivo.

  • Tendere verso l'Anevrosi

    Si tende all’Anevrosi senza poterla raggiungere, essa si manifesta mediante l’associazione equilibrata e permanente tra emozioni e realtà.

  • Inconscio e mente

    Volessimo definire l’Inconscio, potremmo dire che si tratta dell’insieme ideativo individuale estraneo alla coscienza. La mente è da intendere come una entità diversa dall’Inconscio; essa si basa sulla condizione di funzionamento ideativo oltre che sullo stato della coscienza.

  • Il pensiero che ostacola la mutazione

    Ognuno nell’espressione della personale lettura della realtà, appare egosintonico, ossia ritiene di poter avere un determinato atteggiamento e quindi tende a ripeterlo come necessario nell’ambito della propria esistenza e con gli strumenti di cui dispone